4, 5, 6 dicembre 2020 ore 21.00
in LIVE STREAMING

La nuova drammaturgia contemporanea dalla Biennale di Venezia al Teatro Vascello di Roma

Share

Tre serate dedicate a tre artisti che hanno attraversato negli ultimi anni la Biennale Teatro nelle edizioni dirette da Antonio Latella.
Dei tre, inseriti con i loro spettacoli nel programma del Teatro Vascello, solo Leonardo Manzan è riuscito a presentare il suo lavoro; Martina Badiluzzi e Fabiana Iacozzilli purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria hanno visto forzatamente cancellata la loro presenza.
Il Teatro Vascello per dare comunque spazio questi giovani artisti ha deciso di dedicare ad ognuno di loro una serata.
I tre avranno “carta bianca” e la possibilità di presentare il loro lavoro in live streaming dal palcoscenico del Teatro Vascello; un happening d’arte di un’ora circa per dare voce agli artisti in un momento così difficile.

venerdì 4 dicembre ore 21.00 in Live streaming
Martina Badiluzzi
presenta Rumori
un progetto di Martina Badiluzzi
con Martina Badiluzzi
Musiche/editing voce: Samuele Cestola
Rumori è un progetto ibrido, generato dalla contaminazione di una raccolta di racconti, inizialmente pensati per la carta, e la musica.
Vai alla scheda dello spettacolo >

sabato 5 dicembre ore 21.00 in Live streaming
STREAMING OF CONSCIOUSNESS
– La performance del Sistema –
di Leonardo Manzan, Rocco Placidi e Paola Giannini
P.C.
Il teatro Post Covid
Leonardo Manzan, romano di origine, milanese di formazione, classe 1992, nel 2018 si è aggiudicato il bando Biennale College Registi Under 30 con Cirano deve Morire presentato poi nel programma ufficiale 2019; nuovamente invitato alla Biennale 2020 con Glory Wall ha vinto il premio come Miglior spettacolo.
Vai alla scheda dello spettacolo >

domenica 6 dicembre ore 21.00 in Live streaming
Fabiana Iacozzilli
presenta Performare l’archivio
Dopo il debutto alla Biennale di Venezia Una cosa enorme sarebbe dovuto andare in scena dal 13 novembre al Teatro Vascello. Faremo un passo indietro alla ricerca del punto dal quale eravamo partite, condividendo e rilavorando alcune tra le interviste e le testimonianze raccolte in questo anno, nata a Roma nel 1977, una delle artiste più interessati della sua generazione – Premio della Critica 2019 con La classe – porta avanti un lavoro di ricerca improntato sulla drammaturgia scenica e sulle potenzialità espressive della figura del performer. Nel 2020 ha presentato a Venezia il suo ultimo lavoro Una cosa enorme, uno spettacolo che riflette su un tema intimo e personale come quello della maternità.
Vai alla scheda dello spettacolo >

info 065898031  promozioneteatrovascello@gmail.compromozione@teatrovascello.it




Rassegna stampa

[wpdm_package id=’3408′]
[wpdm_package id=’3353′]